giovedì 29 ottobre 2015

Musica: l'emozione comune attraverso le diversità

Buon pomeriggio a tutti cari lettori!
Oggi non voglio parlarvi di una notizia o di una curiosità in particolare, ma voglio parlare e approfondire una cosa che è ed è sempre stata fondamentale per l'essere umano; la musica.
Musica, è una parola che racchiude tanti significati, e a seconda del periodo storico e del genere, questi cambiano e si evolvono.
Pop, rock, soul, psichedelica, house, jazz, blues, hip hop, r'n'b, dance, urban e potrei andare avanti ancora per molto, con l'elencarvi i generi e le categorie che hanno caratterizzato la musica nella storia dell'umanità; ma mi limito ad analizzare tre importanti epoche, in cui la musica è arrivata ad un livello incredibilmente alto sia in qualità che in quantità.

"ANNI 60" o meglio i favolosi anni 60, anni di ribellione e di libertà! Quella era l'epoca in cui tutto era concesso e tutti lottavano per ottenere libertà e pace... Il celebre movimento degli hippie rimarrà per sempre impresso nella storia dell'umanità.
In quegli anni turbolenti si è assistito all'evento musicale più celebre e grande che l'uomo ricordi
"il festival di Woodstock", un concerto durato tre giorni, tre giorni di pace, amore e musica!
Era l'epoca del rock, della musica psichedelica che ascoltandola, ti portava ad un altro livello sensoriale!
Canzoni diventate poi "simbolo" come "cry baby"di Janis Joplin e altre come "paint it black" dei mitici Rolling Stones rimarranno per sempre nella storia della musica!
Senza tralasciarne altre come "somebody to love" dei Jefferson Airplane e quelle di molti altri gruppi che hanno fatto in quel periodo la storia del rock: dai Led Zeppelin ai Beatles, passando per Jimmy Hendrix e i The Doors.

"ANNI 80" o meglio, l'epoca che ha visto gli esordi di due grandi stelle del panorama musicale; una certa Madonna e un talentuoso ragazzo di nome Michael Jackson.
Se da un lato, durante questo periodo, hanno dominato i classici rock e i gruppi come gli ABBA reduci dal periodo dance anni 70, dall'altro abbiamo assistito all'ascesa di un nuovo genere che in breve tempo ha iniziato a governare il mercato commerciale musicale, ovvero il "pop".
Esponenti della nuova corrente musicale, come la controversa Madonna, e talenti rari come Jackson sono solo alcuni dei protagonisti di questo periodo musicale sbalorditivo;
i nomi sono veramente tanti, ma una tra tutti merita di essere nominata per la potenza vocale e per il fascino senza tempo, la fragile e potente Whitney Houston.

"ANNI 90"
 E come non spendere qualche parola sul periodo più controverso della musica moderna!
Gli anni 90 saranno ricordati soprattutto per la semplicità dei nuovi stili, per il pop che ormai regna sovrano nelle radio e nelle chart, per il genere dance che impazza nelle discoteche e soprattutto per Cher che con il singolo "believe" ha fatto ballare il mondo intero.
Ma è verso la fine del decennio che assistiamo all'ascesa incredibile di un nuovo stile musicale che conquisterà tutto e tutti per mesi e mesi fino a raggiungere la prima parte del nuovo millennio, il"teen pop".
E se in Europa impazzano le Spice Girls con singoli come "wannabe" e i Take That con il loro carismatico leader Robbie Williams; in America ci sono fenomeni globali come gli NSYNC e i Backstreet boys che faranno record di vendita incredibili e conquisteranno milioni di fan in tutto il mondo.
Ad arricchire la situazione, nel tardo 1998, arriverà anche una certa Britney Spears, ragazzina americana di soli 17 anni che con la sua hit "baby one more time" governerà e monopolizzerà il mondo musicale fino a farsi definire la "nuova Madonna"o addirittura la principessa del pop.
Lei, insieme alla collega Christina Aguilera, saranno le portavoci di questo nuovo genere musicale che si espanderà all'incirca fino al tardo 2002.

Oggi, non è più come una volta;
nel 2015 non va più di moda il teen pop o il rock, non sono più diffusissimi i fan del punk e i ribelli che ascoltano ossessivamente Bjork o Avril Lavigne; ma ci sono comunque nuove leve a scaldare l'ambiente musicale che hanno unito il pop alla dance, o il pop al rap che ultimamente ha avuto un grande riscontro da parte del pubblico, grazie a esponenti contemporanei come Nicky Minaj.
Ma molto prima di lei c'erano Eminem, 50 cent, Jay Z, Nas, Missy Elliot, Lil Kim e tanti altri ancora che hanno fatto storia e hanno contribuito a rendere grande questo genere che oggi spopola tra ragazzi e adolescenti di tutto il globo!

In conclusione a quest'analisi fatta a livello generale, di importanti periodi musicali;
vorrei solo precisare che la musica a mio parere, è come un enorme collante che accomuna periodi e persone totalmente differenti tra loro.
Essa in ogni caso, ti fa provare sensazioni e emozioni fortissime... Belli o brutti che siano, la musica ti da stimoli e ti rende a suo modo partecipe di qualcosa.
La musica è come una piccola parte di immenso...
Come si potrebbe mai immaginare una vita senza musica?














Nessun commento:

Posta un commento